cerca  Cerca nel Sito   
News Links

Home  |  chi siamo  |  mediateca  |  biblioteca  |  pubblicazioni  |  studi emigrazione  |  contatti  |  newsletter
 Giovani Italiani Bruxelles

‘Giovani Italiani Bruxelles’ è un’iniziativa indipendente volta a chiedere politiche concrete per i giovani italiani.
L’iniziativa è stata lanciata a gennaio 2013 da ragazzi italiani che vivono nella capitale politica europea. Il gruppo riunisce giovani con esperienze diverse, interessati all’attuale situazione politica in Italia e in Europa. Siamo stagisti, lavoratori precari o professionisti, disoccupati e studenti.
L’iniziativa è apartitica: dare priorità ai giovani va al di là di qualsiasi schieramento politico; e volontaria: ci incontriamo nel tempo libero, non abbiamo uno staff fisso e non abbiamo finanziamenti.
Motivazioni
La disoccupazione giovanile in Italia e l’emigrazione all’estero stanno aumentando a un ritmo allarmante. A Settembre 2013 i dati ISTAT riportano che il 40,1 % dei giovani italiani è senza lavoro, e milioni sono emigrati all’estero.
L’Italia non avrà futuro se continua a perdere intere generazioni di giovani che hanno sempre meno opportunità a causa della crisi economica, occupazionale e del disinteresse della classe politica. Senza politiche mirate non si creeranno nuovi posti di lavoro né per i ragazzi di oggi né per quelli di domani.
Siamo italiani, la nostra identità non decade se passiamo la frontiera. Questa iniziativa si rivolge a tutti i giovani: perché partire sia una scelta, non una necessità.
Miriamo a creare uno spazio per lo scambio di idee e possibili soluzioni ai problemi che i giovani affrontano in Italia e all’estero che riguardano soprattutto il mondo del lavoro, dell’istruzione, della ricerca ed in generale delle politiche giovanili.



 Progetto ImmigrazioneOggi

Progetto ImmigrazioneOggi presenta il nuovo sito, con una veste grafica del tutto rivisitata.
Progetto Immigrazione Oggi onlus è una organizzazione non lucrativa di utilità sociale che si propone di svolgere le seguenti attività: assistenza sociale e socio sanitaria; beneficienza; istruzione; formazione; ricerca scientifica di particolare interesse sociale.
In particolare l’Associazione mira a: favorire la conoscenza della lingua e della cultura civica italiana presso la popolazione straniera immigrata in Italia; favorire il dialogo tra culture ed in particolare promuovere la conoscenza di usi, costumi, culture delle comunità straniere in Italia; promuovere lo sviluppo dei Paesi di provenienza tramite la promozione di un turismo sociale verso di essi; fornire assistenza gratuita di natura giuridica ed amministrativa a cittadini stranieri immigrati; sostenere il confronto tra civiltà, tramite l’organizzazione di seminari, dibattiti e convegni; promuovere azioni di cooperazione internazionale, nell’ambito dei settori di interesse; - coinvolgere nel processo di integrazione e superamento dei pregiudizi nei confronti dello straniero immigrato enti pubblici e privati, movimenti e associazioni: costituirsi come ente di formazione professionale permanente; partecipare a bandi e concorsi regionali, nazionali, comunitari ed internazionali relativi al finanziamento di progetti rientranti nel settore di interesse.



 L'uomo con la valigia

L’uomo con la valigia è uno spazio sul web in cui la cultura materiale del viaggio si intreccia alle storie, agli aneddoti e alle curiosità delle persone che vogliono raccontare, con parole e immagini, ciò che un bagaglio può contenere e un viaggio può significare.
L’uomo con la valigia è il titolo dell’esposizione ospitata nel 2010 da Fondazione Torino Musei presso il Borgo Medievale di Torino.
Unica nel suo genere, ha presentato il bagaglio come ingombro fisico e concetto mentale, nell’arco temporale da metà Ottocento ai giorni nostri.



 Migrador Museum. Storie di immigrati in Italia

“L'Italia ha un patrimonio sconosciuto. E' composto da tesori sotto forma di storie, di esperienze, di linguaggi, di idee, di coraggio, di sacrificio, di colori, di sapori, di competenze di migliaia di persone senza volto e senza nome che hanno vinto una grande sfida: iniziare una nuova vita in un altro ambiente, in un'altra lingua e con codici culturali diversi. Alcune storie ed esperienze superano anche la nostra immaginazione. Altre hanno la capacita di saper raccontare la storia del paese mentre cambia. Noi crediamo per il meglio. E ci affidiamo alle memorie dei migrador per dimostrarlo, dando loro voce, chiamandoli per nome, guardando i loro volti e ascoltando ciò che hanno da raccontare.”
Questa è la mission che il Migrador Museum, il primo museo on line dell'immigrazione in Italia, si è dato: raccogliere i racconti di quegli uomini e quelle donne immigrati che, per che hanno scelto per un semplice caso o per disperazione, per motivi professionali o di studio o per motivi di cuore, la Penisola. In linea dunque, aneddoti, memorie e fotografie, racconti anche di fantasia. Ogni mese, infatti, Migrador Museum darà spazio anche a storie virtuali. ''Biografie di migranti inventati - spiega Pillitteri - che narreranno le loro storie da una posizione privilegiata: quella del futuro”.



 Rete Scuole Senza Permesso

Rete Scuole Senza Permesso è il nome che ha voluto darsi una rete di scuole di italiano per immigrati milanesi, nata nella primavera 2005, per dichiarare la propria identificazione con i senza diritti.

Le scuole aderenti, pur diverse fra loro, condividono la quotidiana esperienza a diretto contatto con gli immigrati di cui vengono a conoscere le motivazioni all’emigrazione, le condizioni abitative, di lavoro e i progetti di vita, grazie a una relazione di scambievole crescita umana, culturale e politica.

La Rete Scuole Senza Permesso non è una Rete che vanta schieramenti politici, è una Rete aperta a tutti coloro che apprezzano i valori dell’accoglienza, dell’uguaglianza e della giustizia sociale.

Abbiamo scelto di chiamarci Rete Scuole Senza Permesso perché ci identifichiamo nei migranti che siamo stati; perché accogliamo tutti; perché pensiamo che tutti coloro che non possono disporre liberamente delle risorse della propria terra, grazie anche alla rapina dei paesi ricchi, dovrebbero avere diritto ad attraversare questo pianeta privatizzato e a mettere radici dove c’è spazio per i loro desideri; perché sappiamo che la negazione dei diritti dei migranti significa la progressiva erosione dei diritti di tutti quanti.



 Migration & Media

Migration & Media was established by Marie-Hélène Gutberlet and Sissy Helff in Frankfurt am Main in 2006.

The interdisciplinary project explores migration and the various modes and materiality in which it is conveyed. Organized in several platforms, Migration & Media provides a forum for discussion and artistic expression and represents a contact zone in which academic and artistic approaches encounter one another in an experimental manner.

Migration & Media includes various formats: symposia, exhibitions, film programmes, readings, publications, interventions, and more.

In English, Deutsch, Français



 :: Mondo Scalabriniano

Centri di studio e ricerca

Siti

Home  |  chi siamo  |  mediateca  |  biblioteca  |  pubblicazioni  |  studi emigrazione  |  contatti  |  newsletter
© 2005 roma-intercultura | Realizzazione: help-pc.it | Powered by: Php - MySql - Gnu/Linux - Quanta+

Valid XHTML 1.0 Strict    CSS Valido!